1 Ottobre 1935

Inaugurazione della nuova scuola elementare Filippo Corridoni

La nuova scuola elementare Filippo Corridoni viene inaugurata nell’anno scolastico 1935/1936. E’ stata progettata dall’architetto MarioDe Renzi: ha un impianto a V con due ali simmetriche, una per le aule maschili e l’altra per quelle femminili.
E’ certamente uno dei più interessanti edifici razionalisti realizzati a Fano durante il Ventennio, che vide, come in tutta Italia un gran proliferare di edifici pubblici, riconoscibili per il carattere austero e imponente, che pur richiamandosi all’architettura romana si presenta orgogliosamente modernizzata dalle nuove tecnologie edilizie che hanno per protagonista il cemento armato.

Ettore Rossi,  fanese, diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Roma progetta nel 1937 la borgata semirurale Costanzo Ciano (oggi via Dragoncino e traverse), ed il nuovo Dispensario Antituberccolare dell’Ospedale fanese.

Tra i tanti edifici pubblici di stampo razionalista a Fano ricordiamo, oltre al Corridoni, il Vittoria Colonna, le Commerciali, il Mercato Ittico, la Casa del Marinaio, il Dispensario Tubercolare (oggi la cassa dell’ospedale) .

A stretto giro viene realizzato, vicino alla scuola Corridoni, su progetto dello studio romano Lenzi Gaspare e Luigi, l’Istituto Nazionale Regina Elena (oggi denominato V. Colonna) che accoglie le orfane dei maestri elementari, completato nel 1939.
L’ingegnere Lino Patrignani progetta invece il nuovo Mercato Ittico all’ingrosso, realizzato tra il 1936 e il1939. Il progetto originale prevede un corpo centrale con strade interne di distribuzione ai magazzini di una ventina di pescivendoli. Le due torri sul fronte congengono le vasche di carico dell’acqua dolce una e dell’acqua salata l’altra. Di Patrignani sono anche l’Istituto Commerciale su viale XII settembre e palazzo Gabuccini.  Nei pressi del Mercato Ittico sorge nel 1941 l’interessante Casa del Marinaio.

Per approfondire si può cominciare da Gianni Volpe, L’Architettura del Razionalismo a Fano, in Nuovi Studi Fanesi, n. 6, 1991.

2018-11-25T20:23:01+00:00